• The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca: le recensioni dagli Usa e dall'Italia

    Diamo un'occhiata alle recensioni dei critici Americani e Italiani sul film "The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca" diretto da Lee Daniels

    Avete visto The Butler? Vi è piaciuto? Dopo aver letto la nostra recensione, ecco le critiche Americane e Italiane. Su Rotten, mentre scrivo, il film ha il 72% di recensioni positive. The Butler è diretto da Lee Daniels e vede nel cast Forest Whitaker, David Banner, Michael Rainey Jr., LaJessie Smith, Mariah Carey, Alex Pettyfer, Vanessa Redgrave, Aml Ameen.

    Trevor Johnston - Time Out: il film si rivela un affare decente, significativo, ma un po' noioso.

    David Denby - New Yorker: Un intrattenimento didattico ma irresistibile…

    James Berardinelli - ReelViews: Forest Whitaker impregna la sua parte con immensa dignità.

    Peter Rainer - Christian Science Monitor: Oprah Winfrey è brava e dimostra ancora una volta che è un'attrice e non solo una celebrità che interpreta un'attrice.

    Lisa Kennedy - Denver Post: Una lezione di storia di violenza e resistenza. Un viaggio sentimentale.

    Tom Long - Detroit News: "The Butler" mescola grandi temi e grandi persone e la vera vita umana con grazia sorprendente.

    Richard Roeper - Richard Roeper.com: Forest Whitaker regala la performance della sua carriera.

    Ben Sachs - Chicago Reader: Il film è un pasticcio, ma unico e provocatorio.

    Mick LaSalle - San Francisco Chronicle: "The Butler" è una bella idea per un film, ma ha una sceneggiatura per lo più sciocca.

    Joe Morgenstern - Wall Street Journal: la Fiction si fonde con la realtà, e, infine, vola.

    Joe Neumaier - New York Daily News: Un film pieno di cuore.

    Kristin Tillotson - Minneapolis Star Tribune: "The Butler" è nobile, struggente, storicamente importante.

    Joe Williams - St. Louis Post-Dispatch: Il mash-up forzato di "Forrest Gump" e "Quel che resta del giorno" lascia dell'olio sul tappeto ma Forest Whitaker è lì per ripulirlo.

    Michael Phillips - Chicago Tribune: Come l'America stessa, il film è un groviglio stimolante.

    Laremy Legel - Film.com: Pieno di verità diluito dalla mancanza di messa a fuoco.

    Peter Howell - Toronto Star: Il film a volte rischia il collasso, ma non lascia mai dimenticare la ricerca di totalità nel cuore della storia.

    Jocelyn Noveck - Associated Press: Daniels e compagnia non hanno fatto un capolavoro, ma è un film che si dovrebbe vedere.

    Todd McCarthy - Hollywood Reporter: sempre coinvolgente, spesso divertente e certamente mai noioso.

    Scott Foundas - Variety: Forest Whitaker sembra catturare l'essenza di un uomo che ha trascorso tutta la sua vita cercando di non essere visto.

    Maurizio Porro - Il corriere della sera: Il film di Daniels con Whitaker è un impeccabile riassunto di storia, prolungato e didascalico, servito coi guanti: non diventa mai passione.

    Francesco Alò - Il Messaggero: Sarà un cinema con la mano pesante, sarà una pellicola così netta da risultare scontata, ma il racconto procede che è una meraviglia, l'emozione è forte e il dramma lascia spesso spazio alla commedia.

    Alberto Crespi - l'Unità: E' chiaro l'intento di Daniels: comporre un apologo sulla presenza "sommersa" degli afroamericani nella storia d'America. Peccato che gli strumenti narrativi siano più vicini al polpettone tv stile Radici, che al grande cinema; e che le caratterizzazioni tendano allo stereotipo, piuttosto che al ritratto. Una bella occasione mancata.

    Alessandra Levantesi Kezich - La Stampa: (…) il regista nero Lee Daniels non intendeva realizzare un biopic, quanto rievocare, attraverso un emblematico percorso la vita, le tappe della travagliata lotta per i diritti civili degli americani di colore. (…) l'importanza della tematica e l'interiorizzata interpretazione di Forest Whitaker - un Cecil che a dispetto di non essersi mai ribellato al suo ruolo di «servitore» dei bianchi emerge figura di grande dignità e spessore morale - risultano vincenti; e il film commuove e coinvolge. Buono il resto del cast con una convincente Oprah Winfrey nei panni di moglie di Cecil; mentre fra i cammei presidenziali, si distingue l'impeccabile Nancy Reagan della (ex?) leftist Jane Fonda.

    Roberto Escobar - L'espresso: (…) A loro modo, forse Daniels, Strong e Haygood condividono la prospettiva un tempo imposta al piccolo Cecil. Gli uomini di cinema prudenti sanno che conviene guardare e mostrare il mondo come il mondo preferisce essere guardato e mostrato, senza creare problemi.

    Roberto Nepoti - la Repubblica: Scientificamente confezionato per il genere "film da Oscar" (anche se i Golden Globe lo hanno snobbato): argomento ambizioso, stile classicheggiante, grandi personaggi e grandi attori. Non diremo opportunistico; ma almeno "programmatico", sì. Però gli eventi storici (…) sono sbrigativamente liquidati in dieci minuti, o meno. Funziona meglio l'idea di riassumere la lotta per i "civil rights" nel rapporto padre-figlio; anche se ciò comporta, di default, una drastica semplificazione. Ma se il ridimensionamento politico era (quasi) inevitabile, il finale paternalistico e unanimista (…) è troppo didascalico per non risultare un po' irritante.


    0 commenti → The Butler - Un maggiordomo alla Casa Bianca: le recensioni dagli Usa e dall'Italia

    Posta un commento

AHOS. Powered by Blogger.